Pozzuoli (NA): protocollo d’intesa con le Ferrovie per riqualificare l’area della stazione della linea 2

Napoli, 2 FEB – Con delibera di giunta, l’amministrazione comunale di Pozzuoli ha approvato un protocollo d’intesa con le società Ferrovie dello Stato, Rete Ferroviaria Italiana e Sistemi Urbani per un masterplan, relativo al restyling della stazione Pozzuoli-Solfatara della linea 2 della Metropolitana e delle altre proprietà comunali localizzate nell’area del parcheggio e nella zona limitrofa.
L’obiettivo del protocollo d’intesa è la riqualificazione del territorio e la sua piena valorizzazione, per un rilancio culturale e turistico sul piano nazionale e internazionale.
“Con i vertici di Trenitalia prosegue il dialogo aperto nei giorni scorsi innanzitutto con la richiesta di migliorare il servizio ferroviario metropolitano Pozzuoli-Gianturco, che al momento penalizza fortemente i pendolari e gli studenti, con corse saltate e treni troppo spesso in ritardo – sottolinea il sindaco Vincenzo Figliolia – Con il protocollo d’intesa, inoltre, vogliamo sfruttare i finanziamenti stanziati da Rfi per la valorizzazione delle stazioni minori per creare un sistema di interscambio con bus-navette ecologiche e bici elettriche, oltre a rendere più fruibili e facilmente accessibili ai turisti l’Anfiteatro Flavio, il Rione Terra, il porto. Vogliamo realizzare, in concomitanza con la fine dei lavori del PIU Europa, un sistema complessivo integrato della mobilità urbana dal respiro europeo, badando alle necessità e alle esigenze degli utenti”.

“Gli aspetti principali di quest’accordo – aggiunge l’assessore al Governo del Territorio Roberto Gerundo, che ha proposto la delibera – riguardano innanzitutto le strutture ricettive della stazione, a cominciare dall’annesso parcheggio, che va assolutamente riqualificato e reso più funzionale, per continuare con un collegamento diretto con piazza del Ricordo, dove è ubicato un altro ampio parcheggio. Ma non sono trascurati gli aspetti legati alla sicurezza, visto che tra l’altro la stazione non è più presidiata, né quelli che riguardano l’accoglienza di utenti e turisti e la sistemazione delle aree a verde”.