Verona, stazione ferroviaria: attiva dal 1 agosto la telecamera su corsia preferenziale piazzale XXV APRILE

Verona, 30 LUG – Da sabato 1° agosto sarà attivo il nuovo varco elettronico per il controllo dei transiti sulla corsia preferenziale di piazzale XXV aprile, davanti alla stazione ferroviaria. Lo ha reso noto questa mattina l’assessore alla Mobilità Marco Ambrosini. Presente il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura.

“La telecamera sarà un deterrente importante al transito irregolare dei mezzi non autorizzati – ha spiegato Ambrosini – violazione al Codice della strada che causa, qui e su tante altre corsie preferenziali, rallentamenti alla circolazione dei mezzi pubblici. L’attivazione del varco sarà suddivisa in due fasi: il periodo di sperimentazione, che andrà dal primo di agosto al 13 settembre, durante il quale saranno registrati i transiti ed effettuati i rilievi dei veicoli circolanti; la fase sanzionatoria, a partire dal 14 settembre, durante la quale saranno multati tutti i passaggi irregolari sulla corsia preferenziale, che ricordo è già attiva da mesi e quindi vietata al transito dei veicoli non autorizzati”. “Finalmente la corsia presidiata dagli agenti della Polizia municipale sarà sorvegliata da un supporto elettronico di ultima generazione – ha detto Altamura – che permetterà un controllo costante sulle 24 ore, come già succede in altri quattro punti della città: via Interrato dell’Acqua Morta, via San Paolo-ponte Navi, viale Piave e via Diaz-corso Cavour”.

La corsia preferenziale è riservata al trasporto pubblico, ai taxi, ai mezzi di emergenza e ai soli veicoli autorizzati. Potranno inoltre circolare le biciclette, fino a quando non sarà terminata l’adiacente pista ciclabile, e le auto del carsharing, in quanto uno degli stalli si trova davanti alla stazione.

“Quest’anno – ha concluso Altamura – dal primo di gennaio al 10 luglio, sono già state 16 mila 310 le infrazioni rilevate dai varchi che controllano le corsie preferenziali, con una media di 100 multe al giorno, mentre lo scorso anno i verbali sono stati 38 mila 596: un numero importante di mezzi privati che crea disagi al trasporto pubblico, soprattutto nelle ore di punta. Per questo raccomandiamo a tutti i veronesi di fare attenzione e rispettare il Codice della strada”.