TRC, dopo il Tar anche il Consiglio di Stato boccia Riccione. No alle varianti al progetto

Rimini, 11 FEB – Con sentenza depositata mercoledì 11 febbraio 2015, la sezione Quinta del Consiglio di Stato ha respinto il ricorso – presentato dal Comune di Riccione – avverso alla sentenza del Tar dell’Emilia Romagna del 30 ottobre 2014. Come si ricorderà, allora il Tribunale Amministrativo regionale rigettò la richiesta del Comune di Riccione a variare il tracciato del metrò di costa, proponendo una soluzione diversa da quella approvata dal CIPE e dunque respinta dal Comitato di Coordinamento pochi mesi prima. Nelle motivazioni della sentenza, il Consiglio di Stato ha giudicato inammissibili tutti i motivi del ricorso, avanzati dal Comune di Riccione, dalla richiesta di varianti progettuali alla recessione dall’Accordo di Programma. Oltre alla sentenza avversa, il Comune di Riccione è stato condannato a rifondere le spese legali a favore di Agenzia Mobilità Provincia di Rimini, Regione Emilia Romagna e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.