Terre di Siena sempre più “smart”: una app gratuita per scoprire il territorio di Abbadia San Salvatore

Siena, 26 GIU – Scoprire San Salvatore – e il suo territorio in un modo innovativo e coinvolgente, “navigando” tra le eccellenze dell’Amiata comodamente con il proprio smartphone o tablet. Adesso si può fare, con una app (gratuita) realizzata dall’Associazione Storica Castel di Badia in collaborazione con la Fondazione Musei senesi, disponibile nei principali store digitali e utilizzabile con i più diffusi sistemi operativi. (Disponibile per iphone, ipad e dispositivi android scaricabile dagli store cercando “abbadia ss”, o a questo link). Uno strumento agile e facilmente fruibile con cui andare ad approfondire – attraverso testi e immagini – i quattro itinerari tematici della zona (il Borgo, le Chiese, la Miniera, la Montagna) articolati in oltre 50 punti di interesse. Per ogni percorso è possibile visualizzare una scheda tecnica sulle percorrenze, oppure accedere alla modalità online per visualizzare la mappa interattiva ed essere guidati ai punti di interesse. Inoltre, selezionando l’opzione “AR” sulla banda di navigazione del display, è possibile scoprire le funzionalità della cosiddetta “Realtà Aumentata”, ancora più spettacolari se attivate dal punto panoramico della vetta del Monte Amiata.
Un viaggio originale alla scoperta delle delle Terre di Siena, e un ulteriore prezioso strumento di promozione e valorizzazione dell’Amiata che, con la sua fitta rete sentieristica che si estende per 215 chilometri, si prepara ad accogliere i tanti appassionati di trekking che, da anni, rendono la zona una meta ambita per il turismo “consapevole” e di alto livello. Divisi in 19 percorsi, i sentieri collegano i quattro comuni del versante senese (Abbadia San Salvatore, Piancastagnaio, Castiglion d’Orcia e Radicofani) con il grossetano e con la Via Francigena, creando un comprensorio di grande interesse per gli amanti del trekking. Grazie a percorsi affascinanti nelle Terre di Siena, come quello che collega Abbadia San Salvatore (che ospiterà dall’11 al 13 luglio la Festa Medievale, che rievoca l’Offerta dei Censi che la popolazione faceva al Monastero, con un’importante anteprima sabato 5 luglio con il banchetto medievale – programma completo) con Piancastagnaio tramite una strada di bosco. O quello che attraversa la riserva naturale de “Il Pigelleto”, a Sud di Piancastagnaio, in un paesaggio boschivo misto tra faggi, abeti bianchi e querce, senza dimenticare Bagno Vignoni, noto per la sua antica vasca termale situata al centro del paese, da cui muove un sentiero che offre al turista una vera e propria immersione nella Val d’Orcia con scorci panoramici unici e straordinari. O il tratto che porta dal Prato delle Macinaie alla Vetta del Monte Amiata, attraverso una maestosa e splendida faggeta. Un patrimonio naturale che Terre di Siena promuove e valorizza anche attraverso pacchetti turistici pensati ad hoc per chi vuole visitare l’Amiata e la Val d’Orcia anche in bicicletta (con tariffe a partire da 223 euro a persona per 3 notti e 4 giorni): per informazioni Ufficio Iat Terre di Siena – Abbadia S. Salvatore Tel 0577.775811 infoamiata@terresiena.it – www.terresiena.it
Ufficio Stampa e Comunicazione
itinerAria
Tel. 349 2903197 – 0161 987866, mail: stampa@itineraria.eu