13 novembre 2019

SAVE (Aeroporto di Venezia): raggiunto nuovo record di 9 milioni di passeggeri

save-venezia

Venezia, 29 NOV – L’aeroporto Marco Polo di Venezia ha raggiunto oggi il nuovo record di 9 milioni di passeggeri registrati dal 1^ gennaio 2016. Lo si apprende da un comunicato stampa dell’Aeroporto di Venezia (SAVE).

Si tratta di un traguardo molto importante per il Marco Polo, che con 9 milioni di passeggeri a fine novembre supera ampiamente il volume di traffico dell’intero 2015 che aveva registrato 8,8 milioni di utenti. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, la crescita è del +10 per cento, a fronte di una media nazionale del +4 per cento.

Il precedente record di 8 milioni di passeggeri  era stato conseguito ad ottobre 2013. Da allora lo scalo veneziano ha continuato a crescere, attraverso una strategia commerciale che considera tutti i segmenti di traffico, tradizionale e low cost, nazionale ed internazionale.

Terzo scalo intercontinentale italiano, il Marco Polo serve attualmente 9 destinazioni di lungo raggio. Abu Dhabi è, in termini temporali, l’ultima destinazione introdotta in questo settore di traffico. Attivata infatti nel 2015, è andata ad aggiungersi ai due  collegamenti per New York (Delta Air Lines su JFK e American Airlines su Newark), Atlanta (Delta Air Lines), Philadelphia (US Airways), Toronto (Air Canada), Montreal (Air Canada), Dubai (Emirates), Doha (Qatar Airways).

Etihad Airways di recente ha aumentato i collegamenti con l’Italia con un volo giornaliero per Abu Dhabi dall’Aeroporto Marco Polo di Venezia. Il nuovo collegamento è attivo a partire dal 30 ottobre 2016 ed è operato da un Airbus A319.

Il volo su Venezia supporta ulteriormente una rotta di grande successo tra l’Italia, l’hub di Abu Dhabi e tutto il network di Etihad Airways fino all’Australia.

Nel 2016, forte impulso all’ulteriore sviluppo dello scalo è stato dato dall’avvio ad aprile della base di Easy Jet (4 aeromobili basati) e dal consolidamento di quella di Volotea (7 aeromobili basati).

L’anno in corso segna una forte ripresa del traffico nazionale, in aumento del +7 per cento ed un’ ulteriore crescita  dei volumi internazionali, in incremento del +10 per cento.

Dei 9 milioni di passeggeri, il 70 per cento ha volato su destinazioni europee, il 13 per cento in Italia, il 10 per cento sul Nord America ed il 5 per cento sull’Estremo Oriente.