Raggiunto accordo tra Regione Lazio e Umbria per fermata Orte e aumento offerta

Roma, 17 OTT – Le Regioni Lazio e Umbria hanno definito un Protocollo d’Intesa per l’incremento dell’offerta ferroviaria sovraregionale. Il 21 luglio scorso era stata soppressa la fermata di Orte dei treni regionali provenienti da Perugia (R. 2481 e R.2488). Per trovare una soluzione al disagio provocato ai pendolari si sono svolti due incontri, il 4 e l’11 settembre scorso, a cui hanno partecipato Regione Lazio, Regione Umbria, Trenitalia Lazio, Trenitalia Umbria e RFI. Da questi incontri si è raggiunto un accordo tra Regione Lazio e Regione Umbria per il ripristino della fermata di Orte sui treni regionali umbri e l’aumento dell’offerta del servizio. Nello specifico: dal prossimo 3 novembre sarà rispristinata la fermata di Orte e Trenitalia aggiungerà una nona carrozza su entrambi i treni (R.2481 e R. 2488), aumentando l’offerta su ciascun convoglio di circa 80 posti a sedere; dal 14 dicembre Tenitalia aumenterà l’offerta di posti sui treni Viterbo-Orte-Roma Termini R.7571 e R.V 7582 (il cosiddetto “Viterbetto”) con l’aggiunta di una quinta carrozza, con un aumento di circa 80 posti a sedere per ciascun treno. L’incremento da 4 a 5 carrozze riguarderà tutti i collegamenti regionali veloci da e per Viterbo via Orte; entro marzo, una volta risolti i problemi strutturali con RFI, le carrozze passeranno a 6 su tutti i collegamenti veloci da e per Viterbo con fermata a Orte.

“L’intesa raggiunta porterà a un aumento significativo dell’offerta ferroviaria – dichiarano in una nota congiunta l’assessore ai Trasporti della Regione Lazio Michele Civita e l’assessore ai Trasporti della Regione Umbria Silvano Rometti -. Con queste iniziative si può superare il rischio di sovraffollamento della linea, andando incontro alle richieste dei pendolari”.