Nuovi mezzi per Umbria Mobilità e strategie aziendali per il contrasto dell’evasione tariffaria

Perugia, 1 LUG – “Superate le gravi difficoltà finanziarie, si torna a investire per qualificare ulteriormente l’offerta dei servizi di trasporto su gomma nel territorio regionale, puntando sul minor impatto ambientale e la sostenibilità economica”.
È quanto ha sottolineato l’assessore ai Trasporti della regione Umbria, Silvano Rometti, alla conferenza stampa di Umbria Mobilità Esercizio nel corso della quale il presidente, Lucio Caporizzi, e l’amministratore delegato Franco Viola, hanno presentato gli undici nuovi autobus destinati ai servizi urbani di Perugia, Gubbio, Orvieto e Spoleto.
“Dopo i nuovi treni ‘Jazz’ con cui sono stati migliorati e resi più confortevoli i collegamenti ferroviari dell’Umbria – ha rilevato Rometti – ora si mettono a disposizione dei cittadini umbri nuovi autobus più moderni ed ecologici che garantiscono non solo maggior comfort per i passeggeri, ma anche un minor inquinamento ambientale, sostituendo i vecchi mezzi inquinanti”.
“È su questo obiettivo – ha aggiunto l’assessore – che, nonostante il taglio dei trasferimenti statali che mettono a dura prova il sistema di trasporto pubblico locale, abbiamo concentrato le risorse disponibili, a valere sullo stanziamento del Piano regionale di qualità dell’aria. Di questi nuovi undici autobus, cinque alimentati a metano e che potranno portare fino a 81 passeggeri saranno impiegati per il servizio urbano nel capoluogo regionale.
Gli altri sei saranno di dimensioni più ridotte, per oltre 40 passeggeri. Sono destinati, due per comune, ai servizi urbani di Gubbio, Orvieto e Spoleto garantendo anche una migliore flessibilità e la sostenibilità economica del servizio, in linea con i nuovi criteri normativi sulla percentuale di riempimento dei mezzi pubblici”.
“Continueremo a puntare decisamente sulla mobilità sostenibile – ha detto ancora l’assessore – che è uno degli obiettivi prioritari che la Regione ha fissato nel Quadro strategico per il periodo 2014-2020. Saranno circa i 20 milioni di euro che vi destineremo con la nuova programmazione comunitaria”.
Nel corso della conferenza stampa, sono state anche illustrate le nuove procedure per il contrasto dell’evasione tariffaria che verranno avviate sugli autobus in via sperimentale dal 7 luglio prossimo, allo scopo di recuperare risorse del trasporto pubblico locale.