Potenziamento del trasporto ferroviario, accordo quadro fra Provincia di Bolzano e RFI

Bolzano, 4 MAG – Rafforzare il trasporto su rotaia in Alto Adige, migliorando la rete e le stazioni, con particolare attenzione alla linea Bolzano-Merano e alla Pusteria. Questo il contenuto dell’accordo quadro e del protocollo d’intesa fra Provincia e Rete Ferroviaria Italiana sottoscritti oggi (4 maggio) a Merano dal presidente Arno Kompatscher e dall’amministratore delegato di RFI, Maurizio Gentile.

“Abbiamo concordato assieme a RFI – sottolinea Kompatscher – il percorso da attuare per un’ulteriore ampliamento dell’offerta del trasporto pubblico locale, ponendo le basi per nuovi e interessanti progetti. Le firme apposte oggi rappresentano un importante salto di qualità per la mobilità su rotaia in Alto Adige”. A proposito di progetti di sviluppo, il presidente della Giunta provinciale indica quelle che sono le sue priorità: raddoppio della linea Merano-Bolzano, tunnel sotto il Virgolo per garantire ai convogli provenienti da Merano di accedere direttamente allo snodo ferroviario del capoluogo, nuove stazioni sul territorio e la costruzione della variante della Val di Riga.
“In questo modo – prosegue Arno Kompatscher – avremmo la possibilità di intensificare il traffico nelle tratte più utilizzate”. Durante il convegno svoltosi oggi a Merano sulle prospettive delle ferrovie regionali, dunque, non si è solo discusso in maniera teorica, ma ci si è concentrati su una serie di misure concrete: tra di esse anche il protocollo d’intesa stipulato da Provincia e RFI per la creazione di un tavolo tecnico che si occuperà non solo dei progetti, ma anche del finanziamento degli stessi.
“Gli accordi sottoscritti oggi – aggiunge Kompatscher – sono frutto di un lungo lavoro, e rappresentano una vera e propria pietra miliare del trasporto pubblico locale. L’obiettivo è quello di rendere sempre più attrattivo l’utilizzo dei treni, garantendo una mobilità sostenibile in una zona delicata come quella alpina”. “Garantire una pianificazione a 360 gradi della mobilità è importante come non mai – conclude l’assessore Florian Mussner – avere a disposizione un trasporto pubblico efficiente e moderno, infatti, è fondamentale per garantire la raggiungibilità di un territorio e per accrescerne la competitività da un punto di vista economico, turistico, sociale e culturale”.