22 ottobre 2019

Pisa: Aeroporto Galilei, firmato accordo per lo spostamento di Borgo Cariola

aeroporto galilei pisa

Firenze, 19 DIC – Firmato questa mattina a Roma il protocollo per dare il via alla delocalizzazione delle 44 abitazioni di Borgo Cariola, a Pisa, e consentire così l’ammodernamento dell’aeroporto Galilei.

A firmare, presso il Ministero delle infrastrutture, sono stati il ministro Maurizio Lupi, i sottosegretari all’economia Pier Paolo Baretta e alla difesa Gioacchino Alfano, il presidente della Toscana Enrico Rossi, il presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni, l’assessore alla casa del Comune di Pisa Ylenia Zambito, l’amministratore delegato di Sat (l’azienda di getsione
dell’aeroporto) Gina Giani e il presidente di Enac Vito Riggio.

“Per consentire la delocalizzazione degli alloggi di via Cariola e l’ammodernamento in totale sicurezza dell’aeroporto di Pisa – ha spiegato il presidente Rossi – la Regione ha investito 3,5 milioni di euro, cui si sono aggiunti altri 3,5 milioni di Sat e ulteriori 10 milioni messi dal Ministero delle infrastrutture”.

“Con la firma di oggi – ha proseguito Rossi – diamo il via ad un ulteriore sviluppo dell’aeroporto che si concilia con la tutela dell’ambiente e la salute dei cittadini. A tutti coloro che strumentalmente hanno criticato la Regione, questo risultato dimostra l’impegno e la serietà con cui perseguiamo l’obiettivo di crescita del nostro sistema aeroportuale”.

“Vale la pena ricordare – ha concluso il presidente – che grazie ai fondi europei che sempre la Regione ha deciso di destinare alla realizzazione del People mover e agli investimenti previsti per il rifacimento della pista, l’aeroporto di Pisa diventerà ancora più competitivo. E’ quanto mai urgente mettere insieme Pisa e Firenze per costruire un polo aeroportuale toscano che potrà diventare un riferimento a livello internazionale”.

La Regione Toscana ha contribuito alla realizzazione del People Mover, il nuovo mezzo di collegamento tra la stazione Centrale di Pisa e l’aeroporto Galilei, con oltre 21 milioni di euro, su un valore complessivo dell’opera di 78 milioni.