Milano: Rating di Legalità, AGCM assegna ad ATM due stellette e due “+”

Milano, 22 DIC – L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha esaminato la domanda presentata da Atm mediante compilazione del formulario per l’attribuzione del Rating di Legalità.

In base alle dichiarazioni rese e all’esito delle valutazioni effettuate, l’Autorità ha deliberato di attribuire ad Atm il punteggio di due stelle e due “+”, risultanti da una stella per i requisiti di base e da un’altra stella e due “+” per la sezione che consente di ottenere un incremento del punteggio: rispetto di Protocolli di legalità del Ministero dell’Interno, adozione di un codice etico aziendale, adesione a codici di autoregolamentazione di associazioni di categoria, modelli organizzativi di prevenzione e contrasto della corruzione.

“E’ motivo di orgoglio per Atm ricevere questo riconoscimento dell’Autorità, che dimostra come l’Azienda riesca ad offrire un ottimo servizio nell’attento rispetto delle regole e della trasparenza” ha dichiarato Bruno Rota, presidente e direttore generale Atm.

Quello ottenuto da Atm è un punteggio che rasenta il massimo, considerato che tre segni “+” determinano una stella, fino ad un massimo di tre stelle. L’Autorità non ha potuto assegnare il punteggio massimo, perché Atm è un’azienda a totale partecipazione pubblica, quindi senza amministratori indipendenti, requisito necessario per ottenere il livello più alto.

La Società sarà quindi ora inserita nell’elenco delle imprese con Rating di Legalità (presente sul sito internet di Agcm), così come previsto dal Regolamento attuativo in materia di Rating di Legalità.

Da dicembre 2014, secondo la delibera Agcm, tutte le imprese individuali o collettive aventi sede operativa sul territorio nazionale possono richiedere l’attribuzione del Rating Legalità, attraverso la compilazione di un questionario su una pluralità di indicatori, sui quali poi Agcm effettua i controlli mediante consultazione della banca nazionale unica della documentazione antimafia.

L’Autorità, ricevuta la domanda dell’Azienda, valuta la richiesta in concerto con il Ministero dell’Interno, il Ministero della Giustizia e con l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), oltre alla Commissione Consultiva rating, composta da un rappresentate per ogni Ministero coinvolto, più un rappresentante del mondo imprenditoriale.

Il Rating di Legalità ha durata due anni dal rilascio ed è rinnovabile su richiesta.