17 gennaio 2018

Milano: oltre 50 milioni per interventi per la manutenzione del trasporto pubblico locale

stazione m1 milano

Milano, 8 GEN – Ammontano a 50,5 milioni di euro gli interventi per la manutenzione straordinaria del trasporto pubblico milanese previsti nel Piano Triennale delle Opere del 2017. È quanto definito in un pacchetto di interventi deciso dall’Amministrazione comunale di Milano, con approvazioni in Giunta dei progetti definitivi e affidamenti per la realizzazione degli esecutivi e delle gare, avvenute nel corso del secondo semestre 2017.

Si tratta di lavori che vanno dall’abbattimento delle barriere architettoniche nelle stazioni del metrò al rifacimento completo della galleria della linea M2 nel tratto Piola-Lambrate, passando per la sostituzione dei binari delle linee tranviarie e l’adeguamento delle fermate che diventeranno più accessibili e comode per le persone con disabilità.

“Un investimento che ci permetterà di adeguare ai più alti standard il nostro sistema di trasporto – spiega l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli -. L’impegno dell’Amministrazione è massimo nel fornire ai cittadini un servizio che metta tutti in condizione di lasciare le auto a casa e muoversi liberamente e comodamente con i mezzi pubblici, a partire dalle persone che hanno più difficoltà di movimento”.

Tutti i lavori partiranno entro il 2018, salvo quelli per la realizzazione degli ascensori e degli scivoli in sette stazione M2, previsti nel 2019, e quelli per il rifacimento della galleria metropolitana M2 nel tratto Piola-Lambrate, che richiederanno una programmazione particolare per la necessità di chiudere temporaneamente il traffico del metrò e che verranno realizzati nell’estate del 2019 la prima parte e in quella del 2020 la seconda.

Nello specifico, gli interventi previsti ammontano a 50,5 milioni di euro, 41,5 dei quali a carico del Comune, 7,6 da parte dello Stato (bando periferie) e 1,4 da altri Comuni.

METROPOLITANE

Alle metropolitane andranno 36,5 milioni e verranno così suddivisi: 5 milioni per la manutenzione programmata delle scale mobili delle stazioni; 4 milioni per la manutenzione straordinaria dei montascale; per la realizzazione di ascensori e scivoli per il superamento delle barriere architettoniche di sette stazioni della M2 da Gessate a Cimiano arriveranno un milione dal Comune, 7,6 dal Governo attraverso il Piano periferie, 1,4 milioni dai Comuni di Vimodrone, Cernusco sul Naviglio, Cassina de Pecchi, Bussero, Gorgonzola e Gessate. In quest’ultimo caso i lavori inizieranno nel 2019 per concludersi nel 2021, mentre nelle estati del 2019 e del 2020 si realizzeranno i lavori per l’impermeabilizzazione e il consolidamento della galleria nella tratta metropolitana M2 tra Piola e Lambrate, i cui costi ammontano a 17,5 milioni di euro.

TRASPORTO DI SUPERFICIE

Per quanto riguarda il trasporto di superficie, l’investimento complessivo è di 14 milioni di euro. Soldi che serviranno al rifacimento dei fondi stradali e dei binari e alla riqualificazione delle fermate delle linee tranviarie. Nello specifico: 2 milioni serviranno al rifacimento integrale del fondo stradale dove posano i binari, le traversine, il sistema di assorbimento delle vibrazioni e rifacimento del manto stradale di via degli Imbriani al quartiere Bovisa. In questo caso i lavori inizieranno nell’autunno del 2018; 9 milioni serviranno alla riqualificazione e all’adeguamento alle necessità delle persone con disabilità delle fermate delle linee tranviarie T, e cioè 4,9,12,27 e 24, interessando molti quartieri della città e soprattutto in periferia. Lavori previsti con inizio progressivamente per metà anno; infine gli stessi interventi verranno effettuati nelle fermate delle linee tranviarie 2 e 16, con investimenti per 3 milioni di euro e lavori previsti a partire da aprile.

METROPOLITANE M1 E M2

Le stazioni interessate dai lavori di sostituzione integrale di 12 scale mobili:

– stazione M1 Sesto F.S. (1 scala mobile);

– stazione M1 San Babila (mezzanino e piano banchina) (2 scale mobili);

– stazione M1 Pagano (1 scala mobile);

– stazione M1 Lampugnano (2 scale mobili);

– stazione M1 Uruguay (2 scale mobili);

– stazione M1 Bonola (2 scale mobili);

– stazione M1 San Leonardo (2 scale mobili);

– stazione M2 Caiazzo (1 scala mobile);

– stazione M2 Loreto (1 scala mobile).

Le stazioni metropolitane interessate da 119 interventi manutentivi parziali su scale mobili e ascensori in 18 stazioni di:

M1 (Cadorna, Cairoli, P.ta Venezia, Pagano, Rho Fiera, S. Leonardo, S. Babila, Sesto Fs).

M2 (S. Ambrogio, Abbiategrasso, Cascina Gobba, Lambrate, Loreto).

M3 (Maciachini, Duomo, Corvetto, Brenta, Affori Centro