Metrebus: accordo trovato. Biglietto integrato è salvo. Una nuova card per il Giubileo, piano debiti

Roma, 29 OTT – Metrebus, il biglietto integrato che consente di utilizzare i mezzi di Trenitalia, Atac e Cotral, è salvo. La Regione Lazio si è fatta promotrice di un accordo tra gli operatori di trasporto, dopo che era emersa la grana dei mancati pagamenti delle rispettive quote spettanti in un vorticoso giro di crediti vantati dall’uno o dall’altro, la cui conclusione era stata la minaccia – da parte di Trenitalia e Cotral – di disdettare l’accordo per il biglietto unico.

I punti sulla base dei quali si è raggiunto l’accordo riguardano un piano finanziario che consentirà ad Atac di rientrare nel tempo del debito accumulato nei confronti di Trenitalia (circa 47 milioni di euro) e che sana in qualche maniera il passato, e poi soprattutto la riorganizzazione del sistema che sottrae la gestione dei fondi ad Atac e li affida a un centro servizi che funzionerà da ente terzo e sarà gestito in questa prima fase dalla Regione Lazio, per poi confluire nella nuova Agenzia regionale della mobilità quando finalmente vedrà la luce (presumibilmente nel 2016).Corollario non indifferente dell’accordo è la nascita di una nuova card, su cui pure è stato trovato l’accordo e che sarà emessa in occasione del Giubileo. Dall’evento, in particolare Atac si attende un picco di incassi con una stima che arriva fino a 500 milioni di euro; proprio in previsione del Giubileo, le tre aziende di trasporto puntano a intensificare i punti vendita dei biglietti e la facilità di approvvigionamento da parte dei clienti.Nel frattempo, sarà evitata agli utenti romani la preoccupazione di doversi procurare i titoli di viaggio dei diversi modi di trasporto e anche di esercitarsi nei complicati calcoli di cui pure si sono riempiti i giornali o internet. Metrebus è salvo, viva Metrebus.