Comune di Como garantisce i mancati trasferimenti al Tpl. No a tagli e aumenti

Como, 12 FEB – Il Comune di Como garantirà i mancati trasferimenti sul trasporto pubblico da parte dello Stato e della Regione. Grazie alla restituzione di un credito che l’amministrazione ha ottenuto da Spt Holding, Palazzo Cernezzi eviterà tagli e aumenti.
“Stringiamo i denti e ripianiamo il buco dei mancati trasferimenti – commenta l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa – Si tratta di un sacrificio, certo, ma che facciamo con senso di responsabilità nei confronti degli utenti e di un servizio in cui crediamo. Diminuire i bus significa aumentare il traffico e il numero delle auto in circolazione con danni all’ambiente, alla qualità della nostra vita e alla vivibilità della nostra città. Noi crediamo nel trasporto pubblico e per questo faremo di tutto per sostenerlo. Cosa succederà nel 2016 è impossibile saperlo. Siamo legati alle decisioni di Governo e Regione e ai trasferimenti che delibereranno. Speriamo, inoltre, che per il 2016 si sia chiarita definitivamente la questione delle agenzie per il trasporto pubblico locale e che Como possa bandire la sua nuova gara”.
I contributi erogati ai Comuni per i servizi di trasporto urbano sono stati ridotti del 3% dalla Regione, percentuale che per Como equivale a 176mila euro (Iva esclusa).