BSM presenta l’orologio vincitore design contest “Too Icon” nelle stazioni Vittoria e Stazione FS

Brescia, 4 AGO – Gruppo Brescia Mobilità in collaborazione con Too Late, presentano l’orologio vincitore del design contest “Too Icon” all’interno di due stazioni della metropolitana Vittoria e Stazione FS.

 

In occasione della nascita della metropolitana più moderna d’Europa, Gruppo Brescia Mobilità lanciò “Too Icon” un concorso di idee per la progettazione di orologi ad hoc da posare nelle  stazioni ed ideati secondo le caratteristiche principali del nuovo mezzo di trasporto: qualità, design, tecnologia, utilità e sensibilità.

 

Il contest venne rivolto agli studenti delle università e degli istituti di pari livello con corsi di progettazione, design, arti visive e architettura per farli sentire parte dello storico cambiamento della città di Brescia. Vennero così coinvolte la Facoltà di ingegneria dell’Università degli Studi di Brescia, LABA Libera Accademia delle Belle Arti e del Design, l’Accademia Santa Giulia e il Machina Lonati Fashion & Design Institute.

 

Ideare orologi che fossero fuori dall’ordinario e che riflettessero il mood della metropolitana era l’obiettivo assegnato dal design contest, che ricevette numerosi iscrizioni, contraddistintesi per la grande originalità ed esclusività delle idee. Il concorso si concluse con un evento tematico ispirato al tempo del viaggio, durante il quale, l’opera di Giancarlo Alci ricevette il primo premio.

 

L’opera, che oggi viene posata a Vittoria e Stazione FS, si intitola “Il tempo prende forma” ed è un progetto di design in cui il tempo passato, simboleggiato dalla classica forma rotonda del quadrante analogico, ed il futuro, raffigurato dalla linea originale della sagoma, sembrano fondersi in una nuova dimensione.

 

La forma dell’orologio si ispira al mondo sotterraneo della metropolitana, una lunga grotta composta da roccia sporgente e luminosa che sembra uscire dalla parete e dare forma al tempo.

Diversi triangoli che cambiano saturazione grazie all’acciaio, materiale scelto per la produzione, sono accostati tra loro per creare una struttura asimmetrica, sviluppata su diversi piani, che evoca un’illusione ottica di tridimensionalità e movimento. La piegatura della lamiera evidenzia un design moderno, ricercato, energico e innovativo, tutte caratteristiche intrinseche della giovane metropolitana di Brescia.

 

La produzione degli orologi è stata realizzata gratuitamente e offerto alla città da Too Late, azienda bresciana costituita nel 2007 da Alessandro Fogazzi. L’azienda ha raggiunto in pochi anni la fama internazionale nella produzione di orologi e pezzi unici Made in Italy, grazie all’altissima qualità dei prodotti, la cura del dettaglio e la capacità dell’azienda di intercettare nuove tendenze e saperle trasformare in prodotti esclusivi.

 

Gli orologi “Il tempo prende forma” hanno la dimensione di 1 metro x 1 metro, si è scelto di collocarli nelle due stazione simbolo del cuore cittadino e della quotidianità dei passeggeri: Stazione Vittoria e Stazione FS. Essi si fondono con lo stile contemporaneo, luminoso e minimal della metropolitana, divenendo un nuovo punto di riferimento per tutti coloro che transiteranno nelle stazioni.

 

L’orologio della stazione Vittoria viene collocato alla parete dell’ingresso, di fronte all’orologio della Torre della Rivoluzione di Piazza Vittoria. Il secondo orologio è appeso all’interno della stazione della metropolitana Stazione FS e scandirà il tempo della quotidianità dei cittadini che vi passeranno ogni giorno per lavoro e per turismo. Il meccanismo degli orologi con i suoi rintocchi cadenzierà il ritmo della vita e degli impegni dei passeggeri, a volte sostenuto e frenetico, altre volte rilassato e vacanziero.

 

Alessandra Giappi, della LABA, esprime la sua soddisfazione per l’iniziativa, che va a sottolineare un positivo intreccio di relazioni sul nostro territorio: “Il progetto Il tempo prende forma costituisce un esempio di applicazione funzionale del design alla vita della città: il bello unito all’utile è un binomio vincente, anche nella quotidianità collettiva. Ci sta molto a cuore il dialogo ininterrotto con Brescia. Il contest ha mobilitato le università e le accademie: siamo orgogliosi che la nostra fiammante Metro “vesta” un orologio creato da un allievo della LABA”.

 

L’orologio simboleggia il modo di vedere il mondo, con i cambiamenti che si susseguono al passare degli anni e le evoluzioni che portano con sé. Così, d’ora in poi, gli orologi di Giancarlo Alci accompagneranno i viaggiatori, divenendo giorno dopo giorno un elemento familiare e caratteristico nelle stazioni Vittoria e Stazione FS. E, proprio come la metropolitana, i due orologi sapranno sempre contraddistinguersi per la loro particolarità ed unicità.