Bari: dal 16 al via il servizio di trasporto scolastico. Dal prossimo anno GPS sui bus

Bari, 8 SET – Al via dal prossimo 16 settembre il servizio di trasporto scolastico per le scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado della città di Bari.
“Entra così nel vivo la seconda fase della riforma del servizio – ha spiegato in conferenza stampa questa mattina l’assessora alla Pubblica istruzione Paola Romano – su cui abbiamo cominciato a lavorare pochi mesi dopo il nostro insediamento. Siamo partiti con una fase di studio dei dati e delle problematiche registrate sul territorio comunale con l’obiettivo di rendere il servizio più efficiente e ridurre al minimo gli sprechi. Dai controlli effettuati sugli anni passati è risultato infatti che oltre il 20% degli iscritti autodichiaravano il falso per poter accedere gratuitamente al servizio e che molti degli autobus attivati in base alle iscrizioni viaggiavano semivuoti, comportando costi di fatto inutili a carico dell’amministrazione. Le nuove regole introdotte – la certificazione ISEE dei richiedenti, i nuovi bacini di utenza, la ridefinizione dei criteri territoriali e la nuova tempistica per l’accesso al servizio – ci hanno consentito di contrastare alcuni comportamenti illegittimi e di organizzare il servizio sulla base delle reali esigenze degli utenti che ne usufruiscono. Per noi è un grande risultato essere riusciti a far partire il trasporto scolastico il primo giorno di scuola garantendo così un servizio alle famiglie”.
Ad oggi risultano iscritti al trasporto scolastico per l’a.s. 2015/16 3.180 utenti. Sulla base dei nuovi criteri di formulazione dei bacini di utenza sarà attivato il 12% in meno delle corse rispetto allo scorso anno.
“La razionalizzazione delle corse ci permetterà di risparmiare circa 200.000 euro, somme che saranno reinvestite nel servizio di trasporto scolastico e nel servizio di assistenza specialistica ai bambini con disabilità che frequentano le scuole baresi – ha proseguito l’assessora Romano – e stiamo recuperando altri fondi attraverso l’individuazione dei morosi e degli evasori del servizio degli scorsi anni. Gli uffici stanno procedendo all’invio dei solleciti e ci auguriamo che, così come sta accadendo per gli altri servizi a domanda individuale, anche per il trasporto pubblico tanti genitori si mettano in regola. Tra le novità di quest’anno ci sono anche i percorsi di Pedibus che con la collaborazione della società Elaborazioni.org stiamo organizzando in tutta la città, almeno in una scuola per ogni municipio, e il fatto che sin dal primo giorno di scuola tutti i bambini iscritti saranno muniti di “biglietto di viaggio”. Questo aspetto ha un duplice vantaggio per noi: da un lato vogliamo monitorare l’effettivo utilizzo del servizio e dall’altro vorremmo innescare nei bambini una cultura virtuosa nell’utilizzo del mezzo di trasporto pubblico con un ticket di viaggio”.
Dal prossimo anno scolastico il bando per la realizzazione del servizio di trasporto avrà durata triennale e presenterà alcune novità: ci sarà un’unica gara che includerà sia il servizio scolastico standard sia il trasporto degli alunni disabili per realizzare economie di scala; il bando sarà incentrato sull’acquisto dei chilometri degli autobus e non più sul numero delle corse e tutti gli autobus utilizzati dovranno essere dotati di un sistema Gps per consentire alle famiglie di verificare in tempo reale lo stato e la posizione dell’autobus con cui viaggia il proprio bambino, e all’amministrazione di monitorare gli effettivi chilometri percorsi.